Si avvisano i visitatori che questo sito utilizza dei cookies. Continuando la navigazione in questo sito, si acconsente all’uso di tali cookies. In alternativa è possibile rifiutare tutti i cookies cambiando le impostazioni del proprio browser. E’ possibile avere maggiori informazioni visualizzando l'informativa sui cookies.

Quando la COMUNICAZIONE è OSTILE: risposta al post su FaceBook del 19 dicembre 2017

In seguito a quanto pubblicato sulla pagina FaceBook “Sei di Grugliasco Se…”, la scuola “66 Martiri” ha ritenuto di dover rispondere a quanto c’era di diffamatorio nei post pubblicati facendo un esposto alla Polizia di Stato, che riportiamo come allegato non solo per una questione di trasparenza e correttezza, ma anche per chiarire quali siano stati gli effettivi termini della vicenda.

Ci dispiace aver appreso da canali di comunicazione non ufficiali quanto lamentato da un genitore. Ancor più ci rammarica osservare l’involuzione delle comunicazioni tra le agenzie educative (scuola e famiglia) che dovrebbero collaborare per la crescita critica e responsabile dei nostri ragazzi. Per la tranquillità delle famiglie del nostro Istituto si ribadisce che tutto il personale scolastico ha sempre seguito le norme e che tali norme sono state ancor prima condivise con genitori e ragazzi. Tuttavia in situazioni particolari, di cui la scuola è stata messa a conoscenza, si è sempre cercato di trovare una soluzione che potesse andare incontro alle esigenze delle famiglie tutelando in ogni caso i minori. La gravità di questo episodio sta anche nel fatto che, a fronte di una mancata comunicazione con la scuola delle proprie esigenze familiari, ci si permetta di urlare sui social le “proprie” verità senza curarsi di conoscere come stanno realmente i fatti. Ci riferiamo anche ai 281 commenti seguiti al post che non hanno fatto altro che alimentare il fuoco di una indignazione senza fondamento.

Ricordiamo, infatti, che la modalità con cui è stata portata avanti questa azione è tutt’altro che ortodossa: il buonsenso degli adulti e la consapevolezza delle conseguenze delle proprie azioni non regnano più sovrani (soprattutto nelle comunicazioni virtuali) e di conseguenza occorre riportare la conversazione sul piano della legalità anche facendo ricorso alle forze dell’ordine…virtuale è reale!

Ci sembra opportuno ricordare che l'Istituto aderisce al progetto "Parole O_Stili" (Blog 66 Martiri: l'importanza della comunicazione ecologica) di cui alleghiamo il manifesto:

Allegati:
Scarica questo file (Esposto_Versione Sito Web.pdf)Esposto_Versione Sito Web.pdf[ ]97 kB