Si avvisano i visitatori che questo sito utilizza dei cookies. Continuando la navigazione in questo sito, si acconsente all’uso di tali cookies. In alternativa è possibile rifiutare tutti i cookies cambiando le impostazioni del proprio browser. E’ possibile avere maggiori informazioni visualizzando l'informativa sui cookies.

Curricoli

I nuovi curricoli devono essere intesi come percorsi di apprendimento individuale (per studenti e insegnanti insieme) e anche istituzionale (attraverso processi di sperimentazione e innovazione, formazione e ricerca). Una parte cruciale di questi percorsi riguarda la programmazione curricolare effettuata dai dipartimenti per ambiti disciplinari e dai gruppi di lavoro interdisciplinari.

L’idea dell’apprendimento sottesa al curricolo deve essere quella di una costruzione attiva e creativa delle proprie competenze.  Occorre esplicitare come si intende promuovere un crescente livello di autonomia propositiva, organizzativa e operativa da parte dell’apprendente. Occorre esplicitare come si intende proporre attività capaci di costruire un rapporto fra elementi noti ed elementi nuovi, in modo che il nuovo possa essere assimilato al noto e il noto possa accomodarsi al nuovo, con conseguente arricchimento di schemi mentali e competenze. Tali presupposti devono prevedere attività che propongono cicli composti da fasi di esperienza concreta, osservazione riflessiva, concettualizzazione astratta e sperimentazione attiva.

Partendo dall’esplicitazione dell’idea del sapere da promuovere, occorre definire i contenuti del curricoli, intesi come le tematiche portanti di quel sapere e degli obiettivi prefissati. Occorre inoltre individuare i nuclei fondanti di ciascuna delle tematiche.

La scelta di materiali e tecnologie deve prevedere una gamma di opportunità di sperimentare lingue e linguaggi in contesti che favoriscono e valorizzano la creatività. Tali contesti devono permettere lo sviluppo di intelligenze multiple, di incontrare ed esprimere idee, ragionamenti, analisi, argomentazioni, insieme a sentimenti, emozioni e aspirazioni, sensazioni e intuizioni. Occorre assicurare un forte ruolo per le diverse tecnologie dell’informazione e della comunicazione.

Infine, occorre stabilire criteri e modalità di valutazione basati sull’accertamento di capacità riferite a scenari precisi, allo scopo di valutare livelli di competenza raggiunti.